Un social per agevolare i rapporti umani

Un social per agevolare i rapporti umani

Scelta da Google Play come miglior applicazione nel 2019, a soli 6 mesi dal lancio vantava oltre 30 milioni di utenti in più di 233 Paesi. E in Europa sono ben 1,8 milioni gli utenti ad averla scaricata e continuano a crescere di giorno in giorno. Parliamo di Ablo, il social media che avvia nuove conversazioni tra persone di tutto il mondo, facendole incontrare per la prima volta e offrendo a tutti la possibilità di scoprire nuove realtà e culture.

Disponibile gratuitamente su Android e iOs, i primi italiani che hanno già scaricato l’app – dati alla mano – preferiscono attaccare bottone con utenti brasiliani, colombiani, indiani e turchi attraverso messaggi, video-chiamate e live stream. E non c’è alcuna barriera linguistica quando le persone sono sulla stessa lunghezza d’onda, soprattutto se si può contare sulla traduzione istantanea offerta dall’app. Un’esperienza che permette di rompere il ghiaccio e di trovarsi subito in sintonia, per ridare al primo incontro la forza e la linfa che merita. D’altronde, il vero scopo dell’applicazione è mettere in contatto milioni di persone in tutto il mondo stimolando conversazioni interessanti sin dall’inizio, mettendo in relazione gli individui non solo con gli altri, ma anche con se stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-color: #84b2df;background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 400px;}